REPERTO: ascia litica perforata
PROVENIENZA: Baceno (VB), loc. Pontigei, valle Antigorio
COLLOCAZIONE: Museo Archeologico di Mergozzo.
DATAZIONE: fine III mill. a.C.
MATERIALE: pietra verde compatta di grana molto fine; cloroscisto serpentiforme   (serpentino).
TECNICA: levigazione; il foro stato praticato mediante un trapano.
MISURE: larghezza a livello del foro: 4cm; spessore: 5cm.; diametro del foro: 2,5 cm.
STATO DI CONSERVAZIONE: lacunoso.
DESCRIZIONE: una porzione di una probabile ascia a martello in pietra; la superficie, a parte i punti in cui si notano scheggiature dovute all'uso, appare levigatissima e polita. Il foro, perfettamente cilindrico ed ugualmente molto levigato, serviva evidentemente per l'immanicatura.
INTERPRETAZIONE: si tratta di una parte di ascia, di cui appare piuttosto problematico ricostruire l'intera forma: qui a fianco proponiamo due possibili ricostruzioni. Le asce erano usate presumibilmente per il taglio del legname, ma questa poteva essere anche un micidiale strumento per la guerra e per la caccia, come tipicamente avveniva presso i liguri.
BIBLIOGRAFIA: T. Bertamini, Una scure litica perforata a Pontigei ( Baceno-Croveo), in "Oscellana", 2/1995.
A. De Giuli, I Leponzi a Mergozzo, Edizioni OCA BLU, 2001

COMPILATORI: Zucchi Caterina- Passera Micaela, Maggio 2003

HOME